-------------------------------------------------------------

Premio Europa

02/06/2021

CONCORSO “PARLIAMO L’EUROPA”

Come per l’anno scolastico 2019/2020 Il Comitato di Promozione Etica, intende riproporre l’iniziativa “Parliamo l’Europa” già effettuata in collaborazione con Hermes Centro Studi Europeo.

Data la situazione pandemica che rende difficoltose le collaborazioni, il Comitato ritiene di riproporre l’iniziativa  con 4metx srl e con Hermes CSE.
Il nostro intento, infatti è di attivare il concorso al più presto, per non perdere un’occasione così importante per promuovere cambiamenti positivi e duraturi nella società italiana e rilanciare l’immagine dell’Italia nel mondo. Il PNRR appena presentato ci fa capire che la ripresa e la resilienza debbono coinvolgere la scuola in maniera piena e concreta quale unica garanzia di futuro per i giovani e per il nostro Paese.
Anche per l’anno scolastico 2021-2022 il Comitato di promozione etica  in collaborazione con 4metx srl e con Hermes CSE (Società di Formazione etica) rilancia pertanto il Concorso “Parliamo l’Europa”al quale possono partecipare tutti gli alunni dell’ultimo triennio delle scuole medie superiori.
Il Concorso vuole aiutare i giovani studenti a superare le vecchie logiche e le resistenze culturali delle singole nazioni del Vecchio Continente e spingerli a confrontarsi con la Storia comune europea. 
Volutamente è stato utilizzato il verbo “parlare” proprio per rimarcare la volontà che l’Europa deve entrare a far parte del modo di relazionarsi dei ragazzi, come lo è la lingua.
Il Concorso vuole raggiungere lo scopo di familiarizzare gli studenti con l’essere europei, attraverso il “gioco” delle interviste, immaginarie e reali, che li obbliga a confrontarsi e ad approfondire la storia e la cultura europea.
Il Concorso è diviso in due sezioni:
1. sezione drammaturgica: interviste impossibili con personaggi che hanno fatto la storia europea;
2. sezione giornalistica: interviste reali a grandi esponenti della politica e delle istituzioni europee.
La prima sezione è più adatta agli alunni con vocazione letteraria, teatrale, o comunque dotati di fantasia.
La seconda sezione è più adatta per gli studenti che abbiano attitudini giornalistiche.
Nella prima sezione i partecipanti dovranno comporre le domande e le risposte di una intervista impossibile, storicamente documentata, ma anche totalmente libera sul piano dell’immaginazione, a una grande figura europea del passato (politico, artista, scienziato, economista, letterato).
L’esercizio e il gioco delle interviste impossibili presentano svariati vantaggi educativi:
-        incoraggiano e incentivano lo studio della storia europea e delle sue tappe più salienti;
-        addestrano alla dialettica nella visione di una armonizzazione unitaria;
-        educano all’ascolto e al rispetto dell’altro, in un’ottica fortemente europeista;
-        liberano la fantasia, in uno spregiudicato confronto tra epoche lontane e tra interlocutori “sproporzionati”
Nella seconda sezione i partecipanti sono chiamati a redigere una serie di domande articolate indirizzate a un rappresentante delle Istituzioni Europee.
Anche l’arte di formulare domande è un fondamentale strumento educativo: richiede puntigliosa documentazione su temi di attualità e sui destinatari delle domande stesse richiede sforzo dialettico preventivo e ricerca di prospettive insolite sulla realtà.
Per quanto riguarda la prima sezione, i migliori testi teatrali saranno realizzati in forma radiofonica, con attori professionisti, e trasmessi dalla Radio Vaticana, nel programma “faccia a faccia improbabili”, nonché rappresentati in forma di “mise en éspace” in occasione del Convegno che si svolgerà per la consegna dei premi del concorso.Per quanto riguarda la seconda sezione, le migliori interviste saranno realmente inviate ai politici e rappresentanti delle Istituzioni Europee, che saranno invitati a rispondere espressamente per iscritto.
Il Concorso rappresenta un’occasione straordinaria per far sperimentare concretamente ai ragazzi formule espressive insolite e farli misurare direttamente con esperienze professionali autentiche, con esiti reali come allestimenti scenici di loro testi e con possibilità di interagire con autorità e istituzioni politiche europee sui grandi temi del momento.

La lettera di invito a partecipare al Concorso è indirizzata ai presidi e ai professori degli Istituti Superiori, nella convinzione che essi, nonostante le difficoltà attuali, date dalla pandemia e dall’impossibilità di essere sempre fisicamente presenti nelle rispettive classi,  sapranno entusiasmare e coinvolgere i loro allievi,  profondendo il loro impegno e il loro sforzo per cogliere le opportunità offerte dalla partecipazione a questa “gara culturale” nel segno di una Europa sempre più unita, e che si va realizzando in una comunanza di fini verso un futuro di bene comune. Bando completo e modulo iscirzione Indirizzo e-mail di contatto premioeuropa@certificazionetica.org

 

 

 

 

16/01/2018 Corso di etica socio-politico-economica 2018
27/01/2015 Corso di Etica Socio-Politico-Economica 2015
05/03/2014 IDENTITA’ ETICA DELL’UOMO POLITICO alla luce della Dottrina Sociale della Chiesa

12/02/2005 NON PERDIAMOCI IN UNA GOCCIA D'ACQUA
01/02/2005 Verso la certificazione etica alla luce della DSC: una sfida per i nostri tempi
24/01/2005 Convegno 21 gennaio 2005

 

 

Registrati

 

 

 

Comitato di Promozione Etica: via della Pigna 13a 00187 Roma Tel. 06 6796740
Per contattare l'ufficio Stampa: stampa@certificazionetica.org o 3341281175