-------------------------------------------------------------

Storie di etica applicata

09/01/2008

AIUTATAMI A FARE RAGIONARE ED AGIRE I POLITICI LOCALI INDIFFERENTI E INSENSIBILI 2 COM.

    comunicato stampa : lettera spedita con e.mail a Politici Locali  ed Enti  e con raccomandata
                                     con ricevuta di ritorno al Sindaco di Caltanissetta                      
   

Egr. Signori, Onorevoli e Ministri
vpm


Oggetto: Petizione con 1.500 firme raccolte nel Gennaio 2006 per
             la realizzazione di uno spartitraffico  nella bretella ss 460 di
             collegamento dell'autostrada Catania- Palermo con
             il Comune di Caltanissetta.


             Nel  Febbraio  del 2006 , dopo aver consegnato le 1.500 firme  raccolte telematicamente per una petizione al fine di realizzare uno spartitraffico nella bretella
ss 460 che dall'autostrada Catania - Palermo conduce a Caltanissetta,  ho avuto
rassicurazioni con lettere  da parte del Sindaco di Caltanissetta  e  da parte di  Enti
Istituzionali che la realizzazzione dello spartitraffico si poteva fare nel piu' breve tempo
possibile. Successivamente ho avuto notizia che la Finanziaria della Regione Siciliana
aveva inserito un fondo di (  non ricordo bene la cifra dell'emendamento )   di Euro.

           Bene, a distanza di quasi due anni,  non ho avuto piu' notizie.....per evitare
di entrare in un merito a me di non competenza e al di evitare inutili discorsi o speculazioni e in breve:

Ho incontrato il mese scorso l'On.Pagano Alessandro, dopo una approfondita discussione,
si e' arrivati alla conclusione sull'opportunita' di installare n. tre misuratori di velocita' fissi,
al fine di scoraggiare gli automobilisti al raggiungimento di velocita'  elevate.

            Le statistiche e i fatti dimostramo che l'installazione anche di un solo misuratore
di velocita' diminuisce del 25% tragedie e morti nelle strade.

            In memoria del Prof. Salvatore Sacco e al fine di evitare altre vittime nella
strada della MORTE ( vedi il numero dei morti come da elenco dell'ospedale S.Elia
di Caltanissetta ), proprio in questi giorni di ricorrenza ( 22.12.2007 ) si potrebbe con
una Vostra semplice VOLONTA' installare i misuratori di velocita' con tanto di cartelli.

             Grazie, a nome di tutte le vittime della strada ss. 460 e a nome di tutti le
persone che si salveranno con questo vostro semplice gesto, tra l'altro si avvicina anche
NATALE , periodo di spensieratezza e di carita' per tutti.

             Deferenti ossequi e sicuro di NON ESSERE DEGNO di suggerimenti,
aspetto con pazienza il tempo che sara' realizzato lo spartitraffico,
porgo Deferenti Ossequi a Tutti e scusate per il disturbo.
Catania, 17.12.2007

Grazie e Buon Lavoro
Dr. Carlo Cittadino nella qualita' di Presidente
dell'Associazione di Volontariato
www.katanweconomie.it

338.3397900
095.535585
cittadino@kataneconomie.it
www.kataneconomie.it
www.centrosturzo.it

2° Comunicato Stampa
        
Per conoscenza  Voi tutti 
Direttori e Responsabili
- lettera inviata a Marco Travaglio -
VPM


Oggetto   lettera inviata il 7.12.2007 al quotidiano locale " La Sicilia "  e non pubblicata  e di seguito Vi racconto :
“ Fatti e misfatti di Catania …. Da un semplice tappo di plastica “ 
         Lunedi' giorno 3.12.2007 l'autorevole giornale nazionale " Il sole 24 ore " ha pubblicato un articolo sulla raccolta dei tappi di plastica. Ha messo in evidenza quanto di straordinario c'e' in un semplice gesto e quanto si puo' fare per gli altri.

A Catania e' un altra storia
Circa due anni fa' abbiamo presentato con la Caritas di Catania e il Comune di Catania un protocollo d'intesa ..abbiamo coinvolto parecchi Enti e Scuole. Tutto sembrava in perfetto ordine,  l'allora Assessore Comunale Dott. Orazio D'Antoni e' venuto per la conferenza stampa..... (foto di rito per sembrare tutti buoni e vicini ai problemi degli altri.) ..
e con l'aiuto del Signore abbiamo iniziato.  Enormi quantita' di tappi sono stati raccolti. 
nel momento in cui la raccolta stava incominciando a raccogliere i frutti ..I funzionari del Comune di Catania del Servizio raccolta differenziata,.nelle telefonate intervenute con il sottoscritto, 
hanno comunicato che il servizio doveva essere sospeso per tre motivi:
l'imminenza dell'estate;
il maggior costo che il Comune di Catania doveva sostenere per il giro di raccolta;
ed inoltre con il nostro intervento indirettamente abbiamo diseducato i Catanesi alla raccolta della plastica da immettere nei pochi contenitori distribuiti nella citta'.
I fatti parlano chiaramente, le mie riflessioni  siano di aiuto ai  Funzionari e non del Comune di Catania di quanto e' importante investire nella raccolta differenziata e  che con semplici protocolli d'intesa con le Associazioni di volontariato locali quanta ricchezza  si puo' indirettamente  destinare alle persone bisognose e indigenti.

I  dati annuali  poco  confortanti  della nostra raccolta  differenziata  ci rilegano  negli ultimi posti.
Per concludere un invito rivolto ai nostri Amministratori Locali:
I rifiuti differenziati   sono un  enorme ricchezza che viene perduta ogni giorno  per le generazioni di oggi e per un futuro migliore per le generazioni di domani.
Cordiali Saluti

Grazie
Dr. Carlo Cittadino nella qualita' di Presidente
dell'Associazione di Volontariato
www.kataneconomie.it
338.3397900
095.535585
cittadino@kataneconomie.it
www.kataneconomie.it
www.centrosturzo.it/

E' chiaro che il quotidiano locale " La Sicilia " puo' benissimo non pubblicare la lettera come sopra da me spedita, ma a questo punto mi rivolgo a Te Marco, per  cercare  di fare un po' di chiarezza a Catania  in materia di rifiuti  o meglio  raccolta  differenziata.
La nostra associazione  da circa  dieci  anni  a Catania  insieme  e collaborati da Don Alfio Spampinato ha cercato di coniugare la raccolta di carta e di plastica e
il modesto ricavato  destinato alle persone bisognose.
All'inizio tutto procede bene, ma appena si raccolgono quantitativi che possono alterare gli equilibri prestabiliti, tutto Va a monte: Le cartiere automaticamente non vogliono piu' la carta; La plastica non viene piu' ritirata etcc... tutto deve restare alla stessa maniera, tutto deve andare a finire nella discarica e non diminuire la quantita' di peso... ( il Comune paga profumatamente ogni chilo ).
  Abbiamo pazientato per circa dieci anni, adesso e' arrivata l'ora di fare chiarezza,
a Catania non si vuole fare raccolta differenziata....anzi si vuole accentuare la raccolta indifferenziata !!!!
A questo punto, Tu e Voi vicini ai sorprusi degli ultimi anni, mi   potete aiutare
per sollevare e chiarire questo mostruoso intreccio di interessi.
Catania e' un bella Citta' ma ci sono a vari livelli circa il 10% ( Politici, dirigenti e non ) di persone che non vogliono mollare e continuare sempre come prima .
Sono alimentati da tutte quelle persone  schiavizzate culturalmente per un pezzo di pane o di lavoro .......tutta la bellezza  va in fumo!!!!
10% che non vogliono mollare
30% di poveri sventurati che indirettamente alimentano i comportamenti poco etici ( se cosi' si puo' dire )
e il 60%  di gente di buona volonta' che lavora e deve assistere  indifesa a tale scempio.
Confido in Voi
A presto
Dott. Carlo Cittadino n.q.

 
    

 

 

 

 

16/01/2018 Corso di etica socio-politico-economica 2018
27/01/2015 Corso di Etica Socio-Politico-Economica 2015
05/03/2014 IDENTITA’ ETICA DELL’UOMO POLITICO alla luce della Dottrina Sociale della Chiesa

12/02/2005 NON PERDIAMOCI IN UNA GOCCIA D'ACQUA
01/02/2005 Verso la certificazione etica alla luce della DSC: una sfida per i nostri tempi
24/01/2005 Convegno 21 gennaio 2005

 

 

Registrati

 

 

 

Comitato di Promozione Etica: via della Pigna 13a 00187 Roma Tel. 06 6796740
Per contattare l'ufficio Stampa: stampa@certificazionetica.org o 3341281175